Speciale: Le freddure di casa Be.Ci.

Speciale: Le freddure di casa Be.Ci. – Faccio una premessa: Ho una disabilità abbastanza grave ed importante, credo che oramai lo abbiate capito se seguite i miei social o questo blog.

Nei miei confronti, uso ironia, anzi meglio dire auto-ironia sperando di non ledere mai altre persone che affrontano il mio stesso problemuccio.

Non ho mai sentito lamentele su questo mio ampio modo di rivolgermi a me stessa e spero che non succeda mai proprio perché io sono così.

Prendere o lasciare.

Per me questo è un modo di affrontare la vita, tutti i muri e tutti gli scogli che ogni giorno la società – persone comprese – mi mette davanti.

Non si aggira l’ostacolo, ma lo si combatte e lo si supera con quello che abbiamo disponibile, ed io, ho questo: L’autoironia.

In realtà prendersi in giro in modo simpatico e in alcuni casi, lasciando di sasso chi ci circonda, è un gioco da ragazzi.

Ma ATTENZIONE, un conto se sono io a gestire questa simpatica presa per il c*lo verso me stessa, un altro conto se lo fa qualcuno al di fuori del perimetro della mia Confort Zone.

E la mia Confort Zone non è nient’altro che l’abbraccio di mio marito. In questo – secondo – caso direi che è vietato, oltre che fuori luogo, soprattutto se “il gioco” inizia ad essere ripetitivo, diventa pure molto noioso.

Bisogna volerlo fare e non tutti sono disposti a sorridere e a ridere di se stessi.

Anzi, sicuramente per i bigotti, io non dovrei nemmeno permettermi.

Ma ragazzi, suvvia, è la vita ad impormi quello che non avrei mai voluto, indi per cui la tratto come meglio credo.

Se fossimo tutti seriosi nei propri confronti, saremmo un ammasso di noiosità.

Per questo ho creato lo ” Speciale: Le freddure di casa Be.Ci. “

Le Freddure di casa Be.Ci. (BeCi sta per le prime iniziali del cognome di mio marito e del mio) nasce sul mio profilo personale di Meta/Facebook.

Non succede spesso di Hastag-garci ma, quando lo facciamo, è perchè ci escono così, quasi per scherzo le battute tipo queste che vi elenco qui in basso (e sono solo alcune):

Loro (le persone), con la mano davanti alla bocca: <<…poverina…>>

Io:<<amò ma come fanno a conoscere la mia situazione finanziaria? >>


Discorsi mattutini con amici:

Io: Lu, oggi vado a ritirare la divisa col cappellino e Guiduccio la pannella col cappellino.

Guido: si, io faccio lo sguattero…

Io: No, tu sei il mio braccio destro e sinistro…

Guido: ….


Lui: Amò ci beviamo un bicchiere di “Rosso Bello”? (Vino Marchigiano)

Io: perchè?

Lui: perché devo bere per dimenticare

Io: cosa?

Lui: le caxxate che dici


Speciale: Le freddure di casa Be.Ci. 
L'immagine raffigura la mia mano a fianco di una fragola

La natura fa la simpatica umorista…😅 Ha più dita la fragola.


Io: Amò se muoio prima io me devi fa cremare e poi mi butti sotto una pianta.

Lui: de fichi?

Io: si, così divento fica


Discorso delle 8 davanti al Bar tra me e mio marito:

Io: “amò la classe non è acqua”

Lui: ” … infatti Per te è vino”…

io: …


Io: Amoruccio, io dove ce l’ho il mignolino?

Lui: Tu hai tutto in uno.


#lefredduredicasaBeCi

Torna in Home